Il Melone Siciliano

PRODOTTO

E’ un melone a buccia gialla conosciuto anche come melone d’inverno per il fatto che può essere conservato per un lungo periodo che può arrivare anche a tutto l’inverno. II melone è coltivato da oltre 50 anni nel Trapanese, diffondendosi da Paceco, sua culla di origine, in molti altri Comuni delle Province di Trapani, Palermo e Agrigento. E’ in corso di riconoscimento il marchio I.G.P.

meloni-prodotti
STORIA

La coltivazione del melone giallo, ha le sue origini più antiche nel territorio di Paceco. Negli anni si è andato diffondendo in diversi comuni della Sicilia occidentale ricadenti nelle provincie di Trapani, Palermo e Agrigento, raggiungendo una superficie di circa 5.000 ha, che pone la Sicilia in vetta fra le regioni produttrici. Agli inizi del 1600 la sua coltivazione era già diffusa, tanto che nel testo di G. Monroi del 1609 “Storia di un borgo feudale del seicento “si dice che” questa gente avesse la specialità della coltivazione dei melloni”. Nel libro di A. Genovese (1860-1923) “Paceco, un comune agricolo della Sicilia Occidentale”, oltre alla coltura estensiva dei cereali presentava per larghi tratti alberi di olivo, vigneti e distesi campi di melone. La pianta, inizialmente coltivata per uso domestico, ha assunto negli anni una diffusione e una importanza economica sempre maggiore, raggiungendo la massima espansione dalla metà degli anni ’70 alla metà degli anni ’80; successivamente si è avuta una forte riduzione della superficie per problemi di ordine agronomico e commerciale.

storia
PRODUZIONE

Viene prodotto principalmente nei comuni di Paceco, Trapani, Erice e Valderice. La coltivazione è effettuata, di norma, con minime irrigazioni, sia in terreni pianeggianti che in aree collinari. Una tecnica peculiare della nostra azienda è la coltivazione in asciutto, la quale permette di ottenere un prodotto che mantiene intatte le sue proprietà organolettiche anche per lunghi periodi (generalmente per tutto l’inverno). La tecnica di coltivazione in asciutto, inoltre, potenzia la naturale resistenza del melone a numerose avversità, sia di natura fisiologica che parassitaria. Anche per questo la nostra azienda, da oltre 10 anni, lavora in regime di progressivo abbassamento di uso di fito-farmaci, garantendo un prodotto semi-biologico.

I meloni destinati al consumo fresco (3-4 giorni dalla raccolta) vanno raccolti a maturazione completa e vanno serviti ben refrigerati per gustare al meglio il prodotto; invece, i meloni raccolti prima della completa maturazione, opportunamente spazzolati per eliminare tracce di terreno, possono essere conservati in cassette o cartoni forati con un solo strato di frutti, in locali asciutti e ventilati fino al periodo invernale.

meloni-sicilia-produizione
QUALITA’

Il melone d’inverno, nelle sue due tipologie a biscia gialla e verde, presenta una polpa bianca, croccante e profumata, dal sapore dolce e fresco. Contiene vitamina C e molto beta-carotene, che stimola la funzionalità della pelle consentendo di prevenire i danni degli UV. Ricco di fibre e acqua, il melone giallo è depurativo e favorisce l’eliminazione di tossine. E’ ricco di sali minerali quali calcio e potassio (a quest’ultimo è dovuta l’azione diuretica).

qualita-nuova
CONSERVAZIONE

I meloni invernali vanno raccolti 10 giorni prima della maturazione fisiologica, per poter essere conservati più a lungo. E’ cosigliabile tagliare il peduncolo a 2 cm dal frutto, evitando di fletterlo. La conservazione deve avvenire in locali freschi e ventilati, riposti in casse o su graticci, oppure appesi, dopo averli legati con un cappio di rafia disposto a croce: in queste condizioni i ‘peponidi’ si possono conservare per tutto l’autunno-inverno. E’ buona norma controllare di tanto in tanto il loro stato di maturazione per assicurarsi che non diventino molli e non marciscano. Spesso la causa della marcescenza dipende dalla manipolazione poco attenta o dalla presenza di lesioni sulla buccia. Il melone, oltre che venire utilizzato come frutto da consumo diretto, può facilmente essere surgelato, seguendo queste indicazioni: il frutto va raccolto completamente maturo, si taglia a quarti, si eliminano i semi e la buccia, poi si spezzetta in cubetti di un paio di cm di lato. Per congelare i meloni si possono usare due metodi: con il primo i cubetti vanno stesi su un vassoio e posti nel congelatore. Con il secondo si rovesciano in una scatola, coprendoli completamente con uno sciroppo zuccherino al 30%. Il tutto va poi messo nel congelatore. Quest’ultima preparazione risulta particolarmente adatta per le macedonie (da Regione Siciliana, Assessorato Agricoltura e Foreste, IX Servizio Regionale – Servizi allo Sviluppo – Distretto Belice – Carboj – Unità operativa 103 Menfi)

convervazione-meloni